Castel Cerreto, proseguono i lavori per la realizzazione del nuovo edificio polifunzionale che prevede la costruzione di una nuova scuola materna con annesso asilo nido e di un complesso polivalente in cui troveranno posto una palestrina, l’ambulatorio medico, sale riunioni e un auditorium.

Castel Cerreto

Una struttura realizzata in legno, che avrà un consumo energetico praticamente nullo e un giardino come tetto.
Sta prendendo forma l’edificio polifunzionale della frazione Castel Cerreto. Un progetto che è frutto di una convenzione tra l’Amministrazione comunale e la Fondazione Istituti Educativi di Bergamo che sta costruendo la nuova scuola materna e l’asilo nido.

Attenzione ai quartieri

Un accordo, siglato l’1 dicembre del 2015, che prevede la costruzione da parte della Fondazione di un complesso polivalente, di cui una parte (del valore di oltre 860 mila euro) verrà ceduta al Comune, la realizzazione di un parcheggio da parte dell’Amministrazione, la quale cederà a sua volta l’area dell’ex scuola (che verrà demolita). “Si tratta di un edificio di 400 metri quadrati che verrà messo a disposizione degli abitanti di Castel Cerreto – ha sottolineato l’assessore Basilio Mangano – E’ la dimostrazione che questa Amministrazione non si preoccupa solo del centro storico, ma anche dei quartieri periferici”.

Consumo energetico (quasi) nullo

I lavori di Castel Cerreto sono stati affidati, dopo gara aperta, alla «Benis Costruzioni Srl» (la stessa di piazza Setti), che sui 4 milioni di euro a base d’asta ha applicato un ribasso del 23,37%. “E’ la prima volta che realizziamo un edificio prettamente in legno – ha spiegato Ivan Benis – Per farlo ci siamo affidati alla “Legnoalp” di Bressanone. Sul tetto abbiamo deciso di realizzare un giardino, oltre al posizionamento di pannelli fotovoltaici da 30 Kw. In questo modo l’edificio sarà in classe “n-zeb”, ovvero a consumo quasi zero”.

Il progetto

La nuova scuola di Castel Cerreto ospiterà tre sezioni della materna al piano terra, mentre al primo piano troverà posto l’asilo nido per venti bambini e un ulteriore spazio a disposizione per le attività didattiche. Il complesso polivalente comprende la parte ceduta al Comune con una piccola palestra, due sale riunioni e l’ambulatorio medico. E’ stato inoltre realizzato un piccolo auditorium, che potrà essere utilizzato sia dalla cittadinanza che dalla materna e dal nido. Per quanto riguarda le tempistiche, i lavori per la scuola dovrebbero terminare per la fine di ottobre, quelli per il complesso polivalente tra la fine di agosto e l’inizio di settembre.

Leggi anche:  "Il ministro Toninelli parla di tre treni aggiuntivi, ma la Lombardia non merita l'elemosina"

TORNA ALLA HOME