Il circolo Fratelli d’Italia Romano ha chiarito la posizione in merito alla decisione della Lega di non fornire alcun candidato per le Fondazioni cittadine.

Fratelli d’Italia Romano sulle candidature mancate

In merito a notizie di stampa apparse e riguardanti la polemica relativa alla mancata indicazione di nomine in Enti e Società del Comune di Romano da parte del “Centro Destra”, Il Circolo romanese di Fratelli d’Italia ha precisato la sua posizione attraverso un comunicato stampa.
“Siamo da sempre fedeli al motto “Chi vince governa e chi perde fa opposizione” ed intendiamo rimanere tali – recita il comunicato – In virtù di ciò non ci appassiona minimamente la circostanza che Natali, che pur abbiamo sostenuto, abbia agito in nome e per conto solo della Lega o del Centrodestra a seconda se la richiesta gli sia stata fatta, nell’uno o nell’altro caso, dal Sindaco Nicoli”.

Nessun candidato per le fondazioni “Natali ha fatto bene”

“In ultima analisi, ed in ogni caso, per quanto ci riguarda Natali ha fatto bene a non segnalare alcun nominativo.- continua il comunicato – Essendo noi la Destra della coalizione, e quindi per coerenza dichiarata in tempi non sospetti, Fratelli d’Italia avrebbe comunque declinato qualsiasi offerta di occupazione di “poltrone” da qualunque parte fosse arrivata, e non solo per il fatto (e non è un dettaglio) di non avere una rappresentanza in Consiglio. E’ un problema di DNA che alberga fortunatamente ancora nella Destra che intendiamo rappresentare.

Leggi anche:  Comunità sikh in festa ai Cappuccini, e il quartiere Nord si colora FOTO

“Accordi da mercato delle vacche”

“Ancor meno ci appartiene la lamentela avanzata in questo senso da Forza Italia per un’esclusione rivendicata che, appare oggi evidente, è stata disattesa per il venir meno forse degli sciagurati accordi da “mercato delle vacche” che sono intercorsi tra il primo ed il secondo turno elettorale – conclude il comunicato – accordi che, fin dall’inizio, non abbiamo condiviso e per i quali avevamo preconizzato il pessimo risultato che poi si è manifestato. Ma anche questo è un problema di DNA e soprattutto di (in)coerenza. Pertanto qualsiasi accostamento diretto od indiretto di Fratelli d’Italia in questa vicenda è del tutto improprio, fuorviante e privo di alcun fondamento. Non mancherà in ogni caso la nostra presenza e partecipazione politica in favore della nostra comunità”.

TORNA ALLA HOME