Affissione abusiva a Morengo. Alcuni manifesti elettorali del gruppo “Proposta Morengo” sono stati fatti rimuovere dalla Polizia locale perché affissi nelle bacheche riservate agli spazi pubblicitari.

Affissione abusiva, subito rimossa

In diversi li hanno notati. Alcuni manifesti elettorali della lista “Proposta Morengo” che sostiene la candidatura a primo cittadino del paese del sindaco uscente Alessandra Ghilardi. Tutto normale, sembrerebbe, a due settimane esatte dal voto del 26 maggio. E invece no. Perché i manifesti non erano affissi nelle bacheche dedicate, per legge, alla campagna elettorale, bensì sui tabelloni che di solito ospitano i manifesti pubblicitari. Un’affissione abusiva che è stata segnalata prontamente alla Polizia locale. La segnalazione ha portato all’immediata rimozione dei manifesti come testimoniato dalle immagini postate su Facebook nella pagina della lista.

affissione abusiva
Morengo una affissione abusiva

Una scorrettezza

Sulla sua pagina Facebook il gruppo “Insieme per Morengo” del candidato sindaco Amilcare Signorelli ha rimarcato la scorrettezza della lista avversaria. I manifesti erano stati affissi ieri, sabato, in tre zone diverse del paese: al parco del Donatore, in zona mercato e vicino alla casetta dell’acqua. Gli agenti, prontamente intervenuti, li hanno rimossi. “Mi spiace che chi amministra il paese da 5 anni – ha commentato l’accaduto Signorelli – non abbia ancora ben presente le regole della par condicio e di una campagna elettorale corretta”.

Leggi anche:  Brembate elezioni comunali 2019, le VIDEOINTERVISTE ai candidati

TORNA ALLA HOME