“La città è in uno stato indecoroso, dobbiamo ripartire con tanti sacrifici”. Questa la premessa che si è data “Riprendiamoci Martinengo”, il gruppo di cittadini martinenghesi che alle elezioni comunali del prossimo anno presenterà una lista civica vicina a Forza Nuova.

Vezzoli alla guida di Riprendiamoci Martinengo

Tanti i motivi che hanno spinto i cittadini partecipanti al progetto a scendere in campo e impegnarsi per dar vita ad una proposta che affronti le problematiche comunitarie. Tra loro quello che può essere considerato il promotore, Valentino Vezzoli , 70 anni,  che ha già presentato il progetto.

“La situazione è degenerata”

“Innanzitutto bisogna dire che è lo scontento per come è ridotta Martinengo che ci ha spinto a formare questo gruppo” ha detto Vezzoli. “In dieci anni la situazione è degenerata, e questo grazie a decisioni degli amministratori incomprensibili e che ora tutti noi martinenghesi paghiamo”.

Sicurezza primo punto del programma

La sicurezza è uno degli argomenti affrontati dal gruppo di Riprendiamoci Martinengo, che ha ad esempio attaccato sulla riduzione dell’organico della Locale. “Siamo una comunità di più di diecimila persone e abbiamo un comando di Polizia locale formato da due soli agenti, comandante compreso, e mi chiedo com’è possibile?” ha detto Vezzoli.

Leggi anche:  Provinciali Bergamo: a Treviglio il vertice dei "ferliani"

Polizia locale decimata

“In dieci anni il comando è passato da più di dieci effettivi a due. Cosa è successo? Come mai otto comandanti hanno deciso di lasciare la città e l’incarico? Questo dovrebbe spiegarci il sindaco Paolo Nozza, perchè è successo tutto sotto la sua gestione, oltretutto nell’ultimo mandato ha tenuto per sé la delega alla sicurezza, baluardo della Lega, e quindi è l’unico responsabile del disastro che lascerà come eredità amministrativa”.

Leggi di più, con l’intervista completa a Vezzoli, su Romanoweek in edicola da oggi, venerdì 10 agosto

TORNA ALLA HOME