Il sottosegretario Giancarlo Giorgetti era a Pontirolo oggi pomeriggio, venerdì 17 maggio, per sostenere la candidatura di Priscilla Onofrio, che guiderà la lista ProgettoPontirolo, vicina alla Lega, alle elezioni del 26 maggio. Con lui anche l’eurodeputato di Lovere Marco Zanni.

Banchetto in piazza Donatori

Il leghista segretario del Consiglio dei ministri con delega al Cipe allo Sport, al Programma di governo e all’Aereospazio ha partecipato a un banchetto elettorale in piazza e risposto anche ad alcune domande sul futuro del governo gialloverde, che in questi giorni di “febbre elettorale” appare perseguitato più che mai da fantasmi di crisi.

“L’Italia ha rialzato la testa grazie a Matteo Salvini – ha detto – E oggi la sfida viene portata in Europa, per cambiare gli equilibri in cui per trent’anni gente non eletta ha deciso per le nostre vite”. Poi Giorgetti ha parlato delle recenti polemiche sugli interventi delle Forze dell’ordine contro i contestatori di Salvini. “Le lezioni di democrazie le diamo noi agli altri, a chi pontifica – ha detto – In tanti anni la gente della Lega non ha mai cercato di impedire un comizio di un altro partito”.

Leggi anche:  Tribunale di Bergamo sotto organico, i parlamentari leghisti scrivono al Ministro

Stoccata agli alleati

Poi una stoccata agli alleati del Movimento cinque stelle. “Siamo un governo un po’ bizzarro, l’avete capito bene – ha detto – Non è un’alleanza tra uguali, ma tra diversi, abbiamo diverse visioni del mondo. Non è una cosa di per sé negativa. Ma se ciò alla fine impedisce di prendere decisioni… Ci mancano tante cose da fare, impegni che abbiamo preso con la nostra gente con il contratto di governo. Primo tra tutti quello dell’autonomia Il Governo cade, non cade? La questione è semplice e ovvia: il Governo va avanti se può fare le cose, altrimenti si va a casa. Non abbiamo interesse a occupare una poltrona o una sedia”.

Poi la foto di gruppo in strada, un caffé al bar “Odissea” e una visita al negozio della candidata Onofrio: “Grazie a questa matta che si candida: bisogna essere un po’ matti per candidarsi per il proprio paese di questi tempi”.

 

TORNA ALLA HOME