Legittima difesa: l’oste di Casaletto Lodigiano Mario Cattaneo, accusato di eccesso di legittima difesa, riceverà 30mila euro da Regione Lombardia.

Legittima difesa

L’oste di Casaletto Lodigiano Mario Cattaneo riceverà 30mila euro da Regione Lombardia per sostenere le spese legali del processo a suo carico. Recentemente il senatore Augussori aveva espresso soddisfazione perché il DDL relativo alla legittima difesa era stato approvato dal Senato, dichiarando:

“In questo momento il mio pensiero non può che andare a Mario Cattaneo, l’oste lodigiano rimasto al centro delle cronache nazionali per mesi per essersi difeso ed ora finito sotto processo, al quale avevo promesso che la legge sulla legittima difesa sarebbe stata cambiata. Il messaggio da ora deve essere chiaro: se una persona sceglie come mestiere di fare il ladro, sappia che se entra in una casa può anche non uscirne più”

LEGGI ANCHE: Più di 800 posizioni lavorative aperte nel Lodigiano per il periodo natalizio

Rimborso per tutti i lombardi nella stessa posizione di Cattaneo

“Regione Lombardia rimborserà 30mila euro per le spese legali” di Mario Cattaneo, l’oste di Casaletto Lodigiano che la sera del 9 marzo 2017 uccise un romeno che con tre complici si era introdotto nel suo locale. Per noi è fondamentale stare vicini, anche economicamente, ai nostri cittadini che hanno difeso i propri cari, se stessi e le proprie case o attività commerciali. Per noi la difesa è sempre legittima”

Ha detto Riccardo De Corato, assessore alla Sicurezza di Regione Lombardia, chiarendo che il rimborso è previsto per “lui come per tutti i lombardi che, vittime di un delitto contro il patrimonio o contro la persona, siano accusati di aver commesso un delitto per eccesso colposo in legittima difesa”. Il rimborso delle spese legali per chi si difende dall’accusa di eccesso di legittima difesa è previsto da un legge regionale entrata in vigore nel 2015.

Leggi anche:  Agevolazioni mensa negate agli stranieri: Comune di Lodi condannato

LEGGI ANCHE: E’ a Lodi l’azienda migliore d’Italia in cui lavorare