Forse ricorderete una notizia davvero curiosa che abbiamo battuto la scorsa settimana. Una fake news sulla richiesta di abolire la carne di maiale in mensa con tanto di lettera aperta di risposta del sindaco alla comunità musulmana.

Una bufala che gira ormai da mesi e che era stata “vestita” nell’ultimo copiaincolla sulla cittadina bresciana di Travagliato. Bene, a volte la realtà supera la fantasia: a Peschiera Borromeo, nella Martesana milanese, è entrato in vigore il menù invernale, ed è esplosa la polemica perché la carne di suino, prosciutto compreso, stavolta nel menu non c’è per davvero.

Carne di maiale in mensa addio

“Il menù, approvato da Ats, è stato presentato con piatti a base di prodotti biologici e Dop, contenenti proteine nobili e con pane e cracker a basso contenuto di sale. Manca però di specificare che si tratta anche di un perfetto pasto musulmano, senza carne di maiale”.

Queste le parole dell’assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato riportate dal nostro quotidiano online laMartesana.it:

LEGGI IL RESTO DELLE DICHIARAZIONI DI DE CORATO E INOLTRE LA PRESA DI POSIZIONE DEL CONSIGLIERE REGIONALE DEL CARROCCIO BASTONI

Il precedente e la bufala

In questo caso è insorta la Lega a livello regionale, per ora nessuna risposta a mezzo missiva dagli amministratori locali com’era accaduto per la precedente fake news. Che però a ben vedere sarebbe stata centrata almeno per il tema, anche se stavolta non c’è stata alcuna richiesta da parte della comunità musulmana.

Fra i sindaci diventati eroi per una risposta ai musulmani in realtà mai scritta, nel corso dei mesi sono stati annoverati i Comuni di Busto Arsizio (Va), Lonigo (Vc), Sanluri(Ca), Monserrato (Ca), Santa Vittoria in Matenano(Fermo) e Olbia, ultimo della lista il sindaco di Travagliato, in Provincia di Brescia. Che sarebbe Renato Pasinetti (Lega Nord), ma che nel copiaincolla divenuto virale sul web nel Bresciano, guarda caso mica viene citato…

Ecco il testo della fake news

IL SINDACO DI TRAVAGLIATO in PROVINCIA di BRESCIA RIFIUTA di RIMUOVERE la CARNE di MAIALE dalla MENSA SCOLASTICA e spiega il perché:
I genitori MUSULMANI hanno chiesto l’abolizione della carne di maiale in tutte le mense scolastiche di Travagliato
Il sindaco ha rifiutato, e ha inviato una nota a tutti i genitori con la spiegazione.
ECCO LA NOTA:
“I Musulmani DEVONO CAPIRE che devono adattarsi alla Lombardia e a Travagliato, ai suoi costumi, le sue tradizioni, al suo modo di vivere, perché è lì che hanno scelto di emigrare.
Devono capire che devono integrarsi e imparare a vivere in Lombardia.
Devono capire che devono essere loro a cambiare il loro stile di vita, NON i Travagliatesi che così generosamente li hanno accolti.
Devono capire che i Lombardi non sono né razzisti né xenofobi, hanno accettato moltissimi immigrati musulmani prima (mentre il CONTRARIO non è vero: gli Stati Musulmani non accettano gli IMMIGRATI non-musulmani.
Che non più di altre popolazioni, i Lombardi non sono disposti a rinunciare alla loro identità , alla loro cultura.
E la Lombardia è una terra di accoglienza, non è il Sindaco di Travagliato che accoglie gli stranieri, ma il popolo Travagliatese la Lombardia nel suo complesso.
Infine, devono capire che a Travagliato con le sue radici giudaico-cristiane, alberi di Natale, chiese, crocefissi e feste religiose, la religione deve rimanere nella sfera privata.
Il Comune di Travagliato ha diritto di rifiutare ogni concessione all’Islam e Sharia.
Per i musulmani, che sono in disaccordo con la laicità e non si sentono a loro agio a Travagliato, ci sono 57 bellissimi paesi musulmani nel mondo, la maggior parte di loro sotto-popolati e pronti a riceverli con le braccia aperte in conformità con la Sharia.
Se avete lasciato il vostro paese per Travagliato (e non per altri paesi musulmani), è perché avete ritenuto che la vita è migliore in Lombardia che altrove.

LA NOTIZIA COMPLETA: Abolite la carne di maiale a scuola: la risposta ai musulmani (fake) stavolta messa in bocca a sindaco bresciano

Leggi anche:  Legramanti boccia la Drago e il Centro storico... "troppo verde"

 

LEGGI ANCHE: Cimici come debellarle (o provare a frenare l’invasione)