“Sono stato pendolare anch’io e conosco i problemi di quel settore. Sarà una bella sfida, ma a me le sfide piacciono, anche quando sono difficili”. Così il sindaco di Martinengo Paolo Nozza, in lizza per essere nominato presidente di Ferrovie Nord

Paolo Nozza presidente di Ferrovie Nord?

Non c’è ancora l’ufficialità, ma informalmente è lui stesso a confermarlo: per la presidenza di Ferrovie Nord, la società pubblica lombarda che gestisce la parte infrastrutturale della rete ferroviaria di Trenord, il Cda del gruppo Fnm (Ferrovie Nord Milano, la holding cui fa capo anche Trenord) avrebbe nominato il sindaco leghista di Martinengo Paolo Nozza.

La nomina

“Non c’è ancora nulla di ufficiale ma è vero che hanno fatto il mio nome” ha commentato l’avvocato 48enne, che con le nomine seguenti al rinnovo del Cda di Fnm a seguito delle elezioni regionali, conferma in sostanza che nei prossimi giorni dovrebbe incontrare i vertici del gruppo e la Regione a Milano. Di fronte, per Nozza, una delle partite più delicate sullo scacchiere della Lombardia.

Leggi anche:  Commissariato Treviglio, da Roma ok all'ampliamento

Terzi? “Ha ragione”

“I problemi del servizio sono evidenti” ha continuato Nozza, che non ha mancato di commentare le recenti prese di posizione della nuova Giunta di Attilio Fontana nei confronti della gestione di Trenord. In particolare, è stata l’assessore regionale alle Infrastrutture Claudia Terzi, settimana scorsa, a parlare di un servizio arrivato “al punto di non ritorno”, in particolare dopo la soppressione di dieci corse nello stesso giorno sulla linea Bergamo-Treviglio-Milano. “Ha ragione” commenta Nozza.