Due settimane fa il gruppo di minoranza “Antegnate in Comune” aveva consegnato in Comune una petizione con circa duecento firme, ma il sindaco Andrea Lanzini ha avuto qualche perplessità circa la regolarità della raccolta firme.

“Salvini ad Antegnate? Una bufala”

“Contattando alcuni dei firmatari, ci è stato detto che hanno firmato a fronte della promessa che questa raccolta firme potesse portare in paese il Ministro Matteo Salvini – ha dichiarato il sindaco – Peccato che quando abbiamo chiesto spiegazioni alla sezione leghista del paese, di cui un rappresentante è consigliere di maggioranza, ci han detto che non ne sapevano nulla”.

Le firme sospette

Anche alcune firme, secondo il sindaco, sarebbero sospette: “Non voglio mettere in dubbio la buona fede di chi ha firmato, ma alcune firme mi lasciano delle perplessità, sono estremamente simili – ha aggiunto Lanzini – Parlando con alcuni firmatari, poi, ci hanno detto di aver firmato i fogli senza leggere la lettera allegata e senza sapere che essa riportava lo stemma del gruppo di minoranza e che sarebbe stata consegnata in Comune. Modalità di raccolta firme che ci lasciano più di qualche perplessità, sono al limite della truffa”.

Leggi anche:  Fumata bianca nel centro destra a Romano: Romualdo Natali è il candidato sindaco

Puoi saperne di più su Giornale di Treviglio e RomanoWeek in edicola questa settimana.

TORNA ALLA HOME.