Rotatoria sula Bergamina, siglato l’accordo tra Comune, Provincia e Regione.

Rotatoria sulla Bergamina, è la volta buona?

Nella giornata di ieri il Comune di Agnadello ha nuovamente incontrato l’assessore regionale alle Infrastrutture Claudia Maria Terzi e i rappresentanti della Provincia di Cremona, per definire un accordo a tre, funzionale alla realizzazione della tanto attesa rotatoria. Quella che dovrebbe sostituire l’incrocio a raso tra l’ex statale Bergamina e via Garibaldi.
All’incontro ha partecipato il sindaco Giovanni Calderara accompagnato dal responsabile dell’Area Tecnica, l’architetto Giovanni Lucini Paioni, il consigliere della Provincia di Cremona Rosolino Azzali, accompagnato dalla responsabile del settore ingegner Patrizia Malabarba, e dell’ architetto Roberto Vanzini, oltre alla Terzi, assistita da tre funzionari.

L’accordo

In tale circostanza, si è cercato di definire un accordo operativo: la Provincia riprende la progettazione dell’opera, impegnandosi a concludere entro il mese di giugno,  il Comune mette a disposizione della Provincia l’avanzo di amministrazione dell’esercizio 2018  per un valore di 200mila euro, mentre la Regione ne mette sul piatto 100mila euro per l’anno in corso + 200mila per l’inizio del 2020. In buona sostanza stanzia 300mila euro complessivi, che consentirebbero di far fronte anche ad eventuali incrementi dei costi stimati nel progetto preliminare (450mila euro). A seguire, le procedure di esproprio delle aree necessarie e l’indizione del bando di gara per l’assegnazione dei lavori verranno effettuate dalla Provincia.

Leggi anche:  A Caravaggio 53 incidenti all'anno, ora basta: ecco la super rotatoria IL PROGETTO

Il Comune incrocia le dita

“L’auspicio del Comune è che l’opera possa essere realizzata prima della fine del 2019 – ha fatto sapere il primo cittadino – in sede di incontro ho ringraziato l’assessore Terzi per aver mantenuto l’impegno di contribuire al finanziamento dell’opera assunto verbalmente l’estate scorsa. Ringrazio anche il consigliere regionale Matteo Piloni, autore dell’emendamento che ha portato alla definizione dell’accordo”.

TORNA ALLA HOME