Un altro via libera a Roma al disegno di legge costituzionale che prevede tra l’altro il taglio del numero di parlamentari. Ma mentre la maggioranza gialloverde regge in Senato grazie all’aiuto di Fratelli d’Italia, Forza Italia si astiene. E il deputato azzurro Alessandro Sorte annuncia che voterà sì, nella conta finale, anche a costo di disobbedire al partito.

Taglio  parlamentari, ok da Sorte

La riforma prevede la diminuzione dei seggi a 400 alla Camera e a 200 al Senato. Oltre alla maggioranza M5s-Lega si è aggiunto anche il gruppo di Fratelli d’Italia mentre FI aveva dato ai suoi l’ordine di astensione. Alessandro Sorte invece ha annunciato di aver votato favorevolmente, alla prima lettura alla Camera.

“Occasione persa”

“Questa mattina Forza Italia ha commesso un grande errore non votando al Senato il taglio del numero dei Parlamentari. Personalmente, in prima lettura alla Camera, ho votato favorevolmente e lo farò anche in seconda lettura, a costo di disubbidire agli ordini di partito. Toti ha ragione quando dice che la nostra classe dirigente ha completamente perso il contatto con la realtà.

Così Sorte spiegando il suo voto e annunciando che proseguirà sulla linea del sì anche in seconda lettura quando il testo tornerà a Montecitorio.

TORNA ALLA HOME 

Leggi anche:  Salvini in Brianza ospite di Cancro primo aiuto e Netweek FOTO