Testamento biologico, a Cavernago si potranno consegnare le dichiarazioni relative al fine vita agli uffici comunali.

Testamento biologico è realtà

Istituito il registro ufficiale in Comune dove dovranno essere consegnate le dichiarazioni. Il registro delle dichiarazioni anticipate di trattamento è stato approvato dal Consiglio comunale, in base a una norma obbligatoria ma con qualche perplessità.

In cosa consiste

Tale registro è divenuto obbligatorio per i Comuni e consiste in un atto con cui ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi e dopo avere acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte esprime le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari. Un testamento vero e proprio che viene consegnato agli uffici comunali i cui dipendenti poi dovranno numerare e conservare in un cassetto finché arrivi il fiduciario a ritirarla per eseguirne le volontà.

“Troppa responsabilità ai Comuni”

“Secondo il mio parere – ha detto il sindaco Giuseppe Togni – questo atto così importante dovrebbe essere gestito da un notaio. Non dal Comune i cui funzionari cambiano. È una questione decisa dall’alto e poi scaricata sulla responsabilità dei Comuni. Io auspico che vengano riviste le competenze”.

Leggi anche:  Cavi alta tensione sopra le teste dei cittadini, possibile dismissione?

TORNA ALLA HOME