Obiettivo chiaro per la nuova Asperiam targata 2019-2020, che si è presentata ufficialmente alla stampa nella splendida cornice della sala polivalente del comune di Spirano: migliorare il nono posto della stagione appena conclusa in Prima categoria.

Asperiam rivoluzionata

Una vera e propria rivoluzione nella rosa attuata dalla società che, sulla carta, promette magie in campo. Tanti i nuovi arrivi e tutti di primissimo piano: Galbiati (Tritium), Legrati (Orceana), Legramandi (Rivoltana), Strozzi (B.M. Sporting), Biava (Rivoltana), Soldà (Ponteranica), Malanchini (Fiorente Colognola), Palazzini (Forza e Costanza), Turini (Colognese), Fall Pape (Fornovo), Pozzi (Tritium), Benaglia (Tritium), Zana (Fiorente Colognola), Fornari (Ciserano) e Gotti (AFG). Tra i confermati solamente Poloni, Recanati, Vierchowod, Motterlini, Caiazza, Sporchia, Rubbi, Pavesi e Boschi. Novità anche sulla panchina, dove siederà Dario Rimoldini, ex vice di Tarchini nelle ultime due stagioni al Villa Valle.

Obiettivo importante

«Ringrazio la società per l’opportunità – ha esordito Rimoldini- Abbiamo un obiettivo importante, non dobbiamo fermarci. Dal 16 agosto posso promettere che l’impegno sarà massimo». Dichiarazioni brevi anche per il direttore sportivo Ilario Centimerio. «Il mio obiettivo personale? Vedere un buon calcio sul campo. In bocca al lupo a tutti e forza Asperiam». Più convincenti le parole del direttore generale Riccardo Allegretti. «Io sono abituato a vincere, non esistono mezze misure. La cosa più piacevole della squadra è che più del 50% fa la regola dei giovani. C’è stato un cambio drastico rispetto alla rosa del passato, abbiamo cercato gente seria. Sono fiducioso nella squadra e nel mister, uomo molto capace: il presidente l’ha scelto per questo tra alcuni candidati. C’è tutto per fare bene. Il campo dirà la sua, ma la maglia andrà sempre rispettata. Prima che giocatori, abbiamo voluto degli uomini. Ci siamo prefissati anche di fare un settore giovanile importante, per diventare un punto di riferimento nella zona. Il lavoro sarà duro, ma ci siamo messi in testa questa cosa». E’ intervenuto anche il vice presidente Luca Moriggi. «Quando sono venuto a Spirano ho capito subito che sarebbe stata una società speciale. Tra poco festeggeremo il centenario: vediamo di onorare questo traguardo al meglio. Proviamo a vincere tutte le partite, poi faremo i conti. In bocca al lupo a tutti». Cento anni meritano un regalo super.

Leggi anche:  Panchine e scarpe rosse, la Bassa Orientale contro la violenza sulle donne

TORNA ALLA HOME