In questi giorni la nazionale sordomuti di calcio è ospite di Castel Rozzone. La squadra, guidata dall’allenatore Igor Trocchia, dopo essersi guadagnata un posto ai Mondiali in Corea del 2020, avrebbe rischiato di non poterci andare per mancanza di fondi da parte delle istituzioni. A muoversi è stato invece il grande cuore di un piccolo paese per permettere a queste persone di avere un risultato sudato, guadagnato sul campo, con fatica, superando i propri limiti e difficoltà.

Leggi l’intero articolo su Giornale di Treviglio in edicola

TORNA ALLA HOME