Vinta 91-75 la prima amichevole stagionale contro Crema vediamo quali sono stati gli Up and Down in casa Blu Basket Treviglio. Il periodo di preparazione, con carichi di lavoro importanti, e una squadra largamente rinnovata rispetto allo scorso campionato hanno inciso, ma qualcosa di buono nella prima sgambata si è visto.

Up and Down dei “Blu” dopo la prima amichevole

Era solo uno scrimmage d’allenamento, contro una formazione di serie B come Crema. Ma la prima uscita della Blu Basket ha fatto già registrare aspetti positivi (gli “Up”) e altri su cui lo staff tecnico di coach Adriano Vertemati dovrà lavorare (i “Down”). Di tempo ce n’è, il campionato prende il via a ottobre, e per allora la Blu Basket conta di aver recuperato appieno anche il lungo nigeriano Jamal Olasewere che mercoledì ha applaudito dalla panchina i suoi nuovi compagni.

Cos’ha funzionato

Tra gli Up, gli aspetti positivi, messi in luce dalla Blu Basket Treviglio c’è la disponibilità di tutti i giocatori a passarsi la palla e a cercarsi in campo. Gli schemi offensivi che coach Vertemati sta inculcando ad un gruppo giovane com’è Treviglio necessitano di tempo per essere oliati. Il primo quarto di corsa e intensità dei biancoblu fa ben sperare. Tra i singoli si è visto un Chris Roberts (24 punti) che ha già trovato il giusto feeling con il canestro. La regìa di Lorenzo Caroti piace e il suo “back-up”, il giovane Mattia Palumbo ha mostrato una personalità in crescita. Capitan Andrea Pecchia recita già da leader, aiutando i compagni, soprattutto i più giovani. Tra questi un volonteroso Ursulo D’Almeida, classe 2001, titolare per l’assenza di Olasewere, ha tenuto il campo con ordine segnando anche 12 punti.

Cosa c’è da migliorare

In primis, sicuramente, la squadra dovrà arrivare alla miglior condizione fisica in vista del via al campionato. Con il lavoro in palestra arriverà. Come dovrà crescere l’aspetto difensivo, di squadra, che come ha ricordato il play Caroti “dovrà essere il nostro marchio di fabbrica quest’anno”. Crema, infatti, ha approfittato dei cali di concentrazione dei biancoblu per trovare la via del canestro e aggiudicarsi, di misura, due dei quattro parziali. Tra i singoli il veterano Matteo Frassineti ha fatto vedere lampi di qualità, mentre il pivot Jacopo Borra sta cercando di ritrovare confidenza con il campo. Per entrambi pesano gli infortuni patiti la scorsa stagione. A caccia delle miglior condizione fisica anche il lungo Edoardo Tiberti, che insieme all’altro giovane Celis Taflaj necessitano di tempo per assimilare i meccanismi di gioco della loro nuova squadra.

Leggi anche:  Business nello sport giovanile: quanto costa diventare calciatore?

Buona la “prima” domani arriva l’Assigeco

Chiusa con sensazioni tutto sommato positive la prima amichevole della Blu Basket, domani è già tempo di un test da A2. Al PalaFacchetti, palla a due alle 18, arriva l’Assigeco Piacenza che giocherà nel girone Est. La formazione di coach Gabriele Ceccarelli ha già disputato un paio di amichevoli, perdendo per un grave infortunio al ginocchio il playmaker Stefano Bossi. La società è corsa ai ripari tesserando il bolognese Gherardo Sabatini, ex Treviso, che ha giocato a Treviglio la stagione 2014/2015. In canotta Assigeco altri due ex biancoblu, l’ala-pivot Francesco Ike Ihedioha e la 36enne ala Matteo Formenti che torneranno a calcare il parquet del PalaFacchetti.

TORNA ALLA HOME