Le parole di coach Adriano Vertemati in conferenza stampa dopo la vittoria Remer su Agrigento. Il 36enne tecnico milanese, con la gara di domenica, è l’allenatore con più presenze (221) sulla panchina trevigliese.

Vittoria Remer e record di panchine

Il successo 82-76 conquistato ieri al PalaFacchetti è valso due punti fondamentali per il cammino della Remer Treviglio nel campionato di basket di A2. E la festa è stata doppia, perché coach Adriano Vertemati ha battuto il record di presenze sulla panchina biancoblu: con 221 presenze nei 6 anni e mezzo da head coach ha superato il precedente record, 220 presenze, che era del coach trevigliese Cesare Cece Ciocca, allenatore alla Co.Mark Bergamo nel girone Est di A2. Il bilancio per Vertemati, dalla stagione 2011/12 ad oggi, parla di 120 vittorie e 101 sconfitte (per Ciocca il bilancio è 129 vinte e 91 perse), mentre i giocatori con più presenze nel suoi sei anni e mezzo in panchina sono i “senatori” Tommaso Marino (156 gare) e il capitano Emanuele Rossi (145).

Le parole di Vertemati in conferenza stampa

“Una vittoria ottenuta con un primo quarto eccezionale, sia in attacco che in difesa. Puntavamo molto sull’inizio della partita visto l’orario insolito dove non è consueto essere pronti a mettere il corpo, a gestire contatti ad essere intensi nelle cose non tecniche. Per due giorni abbiamo provato a fare da mezzogiorno in poi allenamento subito strong e questo secondo me ha pagato nell’approccio che la squadra ha avuto – ha analizzato Vertemati il match contro Agrigento – Purtroppo abbiamo poi subito il ritorno veemente di Agrigento che ha fatto vedere la sua versione migliore oggi, quindi l’Agrigento del girone d’andata che tanto bene ha fatto con un impatto dalla panchina esagerato perché loro hanno 33 punti dalla panchina e noi 6. Non è una nostra consuetudine. Oggi ho fatto delle scelte, a un certo punto che un po’ penalizzanti per i giocatori usciti dalla panchina, ma ho cercato di cavalcare quelli che mi sembravano già dentro il ritmo della partita, che avevano già preso le misure (agli avversari, ndr) e quindi ho anche un po’ condizionato questo dato”.

Leggi anche:  La delusione di Filippo Tortu agli Europei: "Il raffreddore non c'entra un c..."

Coach da record: “Una bellissima soddisfazione”

Un pensierino a ribaltare il -14 dell’andata il coach milanese e la squadra sul nell’ultima frazione l’hanno fatta. “Quando coach Ciani ha chiamato time out con due nostri tiri liberi sul +9, mancavano 2 minuti alla fine – continua Vertemati – Prima abbiamo pensato solo a provare a vincere la partita che come dicevo è stata segnata dal parziale del primo quarto e poi abbiamo mantenuto questo tesoretto aggrappandoci un po’ alla difesa, un po’ ai rimbalzi, ma producendo tanto. Se si guarda la valutazione, 101-72, ti dice che abbiamo prodotto tanto e forse a volte finalizzato meno. Dobbiamo prendere quello che siamo riusciti a fare che è già tanto”. E sul record di presenze in panchina coach Vertemati ha chiosato: “E’ una bellissima soddisfazione, sapevamo che con il rinnovo pluriennale che avevamo fatto (con la società, ndr) sarebbe capitato, se tutto fosse andato come doveva, ed è capitato. Sono molto orgoglioso e adesso… sfido qualcuno a battermi”.